Quando negli scacchi l’impossibile si realizza!

Uno studio di scacchi assolutamente incredibile!
Uno studio di scacchi assolutamente incredibile!

Lo studio di scacchi, che ho presentato qui sopra, è del grande Korolkov, risale al 1951 e, ovviamente, vinse il primo premio ad un concorso.

La mossa iniziale è facile (negli studi di scacchi non tutto è difficile!):

1. f7.

Il nero non può occupare ora la casa f6 con la Torre per 2. Ab2, né fermare il pedone con 1. …, Tg8 per 2. fxg8-D+ seguito da 3. Ce7+. Può però giocare

  1. …, Ta6+;
E adesso cosa fa il bianco?
E adesso cosa fa il bianco?

Ora il Bianco deve fare molta attenzione; se 2. Rb2, Tf6 e la Torre non può essere inchiodata. Il Bianco non può nemmeno giocare 2. Rb1 perché il Nero prenderebbe il Cavallo con scacco e poi, giocando il Re in g7 fermerebbe il pedone e vincerebbe. Il Bianco decide perciò di sacrificare l’Alfiere con

  1. Aa3!, …;

in modo da allontanare dalla casa f6 la Torre, unico pezzo nero in grado di impedire la promozione del pedone (il Re ne è impedito dalla presenza del Cf5).

  1. …, Txa3+; 3. Rb2, …;

La Torre è stata così distolta dalla casa f6 e il pedone risulta così inattaccabile. Lo studio sembra a questo punto risolto, ed invece siamo solo al principio della manovra decisiva. Col tratto del testo il Re bianco, situato alla massima distanza dal Re nero, inizia una lunga e brillante marcia di avvicinamento.

  1. …, Ta2+!;

Il nero sacrifica la Torre per poter dare scacco di Alfiere ed eliminare così il terribile pedone bianco. Sarebbe invece inutile 3. …, Tb3+ per 4. Ra2 ed il nero non potrebbe fare altro che arrendersi.

  1. Rc1!, …;

Il Bianco deve giocare con molta accortezza, evitando che il Nero possa dare scacco con l’Alfiere in f5 o e6, o eventualmente in d7 con successiva ritirata della Torre sull’ottava traversa. Per esempio 4. Rc3?, Tc2+! e il Nero sarebbe salvo. infatti se il Re bianco si porta sulla colonna “d” segue Td2+ e Td8; se si porta in a3, segue Ta2+!; se infine si porta in a7 o c7, segue Tb7+. Dopo il tratto del testo la Torre nera è costretta a restare sulla colonna “a”; inutile sarebbe infatti 4. …, Tc2+ perché il Bianco non prenderebbe la Torre vincendo di colpo.

  1. …, Ta1+; 5. Rd2, …;

Il Re prosegue la sua marcia sulle case nere: il suo scopo – visto che la Torre nera deve rimanere confinata sulla prima colonna, è di arrivare in g5, casa su cui sarebbe al riparo dagli scacchi orizzontali.

  1. …, Ta2+; 6. Re3, Ta3+; 7. Rf4, Ta4+; 8. Rg5, …;
Il nero ha ancora qualche cartuccia da sparare!
Il nero ha ancora qualche cartuccia da sparare!

Gli scacchi sulla colonna “a” sono finiti, ma negli scacchi le sorprese sono all’ordine del giorno:

  1. …, Tg4+!;

Il Nero si difende con molto spirito. Se ora 9. Rxg4, Af5+ e quindi 10. …, Rg7 fermando il pedone.

  1. Rh6!, …;

Il Re bianco ha portato a termine la sua missione. Poiché a 9. …, Tg6+; 10. Rxg6, Axf5+ seguirebbe 11. Rh6 (o Rf6), né avrebbe senso 9. …, Th4+; 10 Cxh4, non resta altro che portare la Torre in ottava, il che peraltro sembra pienamente sufficiente.

  1. …, Tg8; 10. Ce7!, …;
Sembra finita ...
Sembra finita …

Se ora la Torre abbandona la colonna g, segue 11. Cg6#; se invece abbandona l’ottava traversa, il Bianco promuove il pedone con successivo matto. Il Nero deve pertanto lasciare la Torre in g8 ed evitare nello stesso tempo che il Bianco la catturi, promuovendo il pedone e dando matto. E’ perciò forzata la risposta

10. …, Ae6;

sopprimendo finalmente il pedone.

11. fxg8-D+, Axg8;

Ed ecco raggiunta una posizione di matto che sembrava del tutto impossibile all’inizio dello studio.

12. Cg6#

Confrontate questo diagramma con la posizione iniziale: lo credevate possibile?
Confrontate questo diagramma con la posizione iniziale: lo credevate possibile?

Questo studio è, con quello che vi ho presentato nel precedente articolo, uno dei più belli che mai siano stati composti!

Gli scacchi sono arte? Gli scacchi sono scienza? Gli scacchi sono geometria? Gli scacchi sono un gioco? Gli scacchi sono solo una questione di tecnica?

Quando molti anni fa vidi questo studio conclusi che gli scacchi sono molto di più, che quelle definizioni sono riduttive: gli scacchi sono l’energia cosmica stessa!

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>